Prevenzione

/Prevenzione
Prevenzione 2019-01-28T09:43:41+00:00

Educare alla salute dei denti

Per avere denti sani è necessario seguire delle buone abitudini quotidiane, a partire dal lavaggio dei denti dopo i pasti. È molto importante educare all’igiene orale, soprattutto i giovani. Se infatti sin dalla tenera età si capisce l’importanza di piccoli gesti quotidiani, è più semplice poi mantenere denti forti, sani e puliti.

Consigli per l’igiene orale: come riconoscere uno spazzolino efficace

Spazzolino da denti
  • Il tuo spazzolino da denti è efficace? Esiste uno spazzolino da denti ideale?

  • Controlla le dimensioni del manico dello spazzolino: sono adatte all’età e alla perizia di chi lo utilizza?

  • Controlla le dimensioni della testa dello spazzolino: sono conformi a quelle della bocca di chi lo usa?

  • Guarda se i filamenti sono di nylon o di poliestere: devono avere estremità arrotondate e di diametro non superiore a 0,23mm.

  • Tocca le setole: devono essere abbastanza morbide (secondo gli standard industriali internazionali) e disposte in modo da favorire la rimozione della placca negli spazi dentali approssimali e lungo la linea gengivale.

Negli ultimi anni sono stati prodotti su scala industriale nuovi modelli di spazzolino per migliorare la rimozione della placca nelle aree “tra dente e dente”.
Questi modelli tengono conto che la maggior parte delle persone ha l’abitudine di spazzolarsi i denti con andamento orizzontale e che uno spazzolino normale a testa piatta non riesce a raggiungere le superfici approssimali dei denti, perciò sono composti da ciuffi di setole angolati in direzioni differenti (anche se la rilevanza clinica di questa caratteristica resta da dimostrare). Diverse ricerche hanno inoltre indagato su possibili differenze nella rimozione della placca tra spazzolini con diverse forme di manico, riscontrando come quelli con un manico lungo e profilato riescano a rimuovere una quantità di placca maggiore rispetto a quelli con un manico tradizionale.

Ausiliari dello spazzolino

Your Content Goes Here

Sono utili per la pulizia delle aree interdentali, tra dente e dente, dove lo spazzolino non arriva e dove la placca si annida più facilmente, aumentando il rischio di carie e gengiviti.

Filo interdentale

È utile per chi ha gengive e spazi interprossimali normali perché l’accentuarsi di una recessione gengivale rende il filo meno efficiente.

Scovolini

Your Content Goes Here

Rimuovono efficacemente la placca dalle superfici dentali prossimali e hanno forma e dimensioni differenti e adattabili agli spazi interdentali.

Come scegliere un dentifricio

Il dentifricio facilita la rimozione della placca e i suoi agenti chimici hanno un effetto terapeutico e preventivo sulla superficie dei denti. I dentifrici non sono tutti uguali: ad ogni esigenza personale, una soluzione diversa.

  • Per proteggere i denti dalla carie sono molto efficaci i dentifrici contenenti fluoruri, tenendo presente che il fluoruro in forma di sale va bene per la prevenzione dalla carie ma non per il controllo dell’infiammazione gengivale.
  • Per proteggere i denti dalle infiammazioni gengivali bisogna scegliere dentifrici contenenti sostanze antibatteriche, come ad esempio la clorexidina, che però, sebbene sia molto efficace come collutorio, ha un’efficacia limitata se inserita nei dentifrici. Un altro agente antibatterico in grado di interferire con la crescita della placca è il triclosan, che può essere invece inserito con efficacia nei dentifrici in combinazione con un copolimero o con citrato di zinco.

Per contrastare la formazione del tartaro, se si è predisposti ad esempio a parodontopatie, occorre usare dentifrici contenenti pirofosfati, che possono ridurre la formazione del tartaro sopragengivale. I pirofosfati infatti sono in grado di inibire la nucleazione e la crescita dei cristalli minerali di fosfato di calcio; in questo modo si ritarda la mineralizzazione della placca, che diventa così più facile da rimuovere. Bisogna però considerare che i dentifrici antitartaro non hanno effetti sul tartaro sotto la gengiva perché gli agenti così applicati non riescono a penetrarvi.

Altri presidi aggiuntivi per l’igiene orale

I dispositivi d’irrigazione dentale (idropulsori) servono a eliminare la placca e i detriti molli, grazie all’azione meccanica di un getto d’acqua, riducendo così lo sviluppo di gengiviti. Risultano particolarmente utili in presenza di ponti fissi o apparecchi ortodontici, che rendono difficile un corretto uso dei dispositivi di pulizia interdentale.

Prevenzione del cancro orale

Il cancro orale miete una vittima ogni ora (dati OMS Europa)

Il tumore del cavo orale si sviluppa nella bocca o nella cavità orale, cioè nel tratto iniziale del tubo digerente. Purtroppo questo tumore è spesso diagnosticato tardivamente con un tasso di mortalità del 56%.

Se diagnosticati in fase iniziale di sviluppo (stadio I e II), i tumori orali hanno 80%-90% di tasso di sopravvivenza e la diagnosi precoce è possibile soltanto con screening. La tecnologia medicale per lo screening del cancro orale è la Lampada ORAL ID.

Nello Studio Emanuelli, periodicamente nell’anno, si effettuano visite di screening che sfruttando la naturale fluorescenza dei tessuti orali illuminati con la speciale luce blu ad alta intensità della Lampada ORAL ID, permettono di intercettare in tempo reale le eventuali lesioni della mucosa altrimenti invisibili.

Richiedi un appuntamento

Contattaci